Le affascinanti e misteriose costruzioni di Baalbek.

Secondo le leggende, Baalbek, situata nel mezzo del deserto, è una zona senz’acqua e polverosa che si trova sul territorio del Libano moderno, è la città più antica della Terra. Presumibilmente, fu costruita all’alba dell’umanità da Caino, figlio di Adamo, che uccise il fratello di Abele e fu costretto a nascondersi. Un’altra leggenda attribuisce la fondazione della città di Nimrod, il re biblico, che ha chiesto aiuto nella costruzione dei giganti. Tutto questo, ovviamente, sa troppo di leggenda, ma nessuno dubita che Baalbek sia la più antica delle città al mondo.

Non si è in grado di stabilire a quale momento sia stata costruita questa città, presumibilmente durante il periodo di massimo splendore del regno babilonese, sotto Hammurabi. La prima prova scritta affidabile fu fatta dagli storici egiziani nel XIV secolo. AC. e., menzionano Baalbek come il luogo in cui il riformatore del faraone Akhenaton ha eretto il tempio di Aton. Sotto i Fenici si trovava qui il più grande santuario di Baal in Palestina, da cui la città estesa prese il nome. Nel 332 aC. e. divenne parte del grande impero di Alessandro Magno e in seguito divenne una polis greca chiamata Heliopolis, appartenuta prima al Tolomeo egiziano e poi agli Antigonidi Siriani. La più alta fioritura di Baalbek risale al periodo romano, quando furono costruiti la maggior parte degli edifici sopravvissuti. E dopo la sua devastazione da parte delle truppe di Tamerlano.


Attrazioni del complesso

Tra i suoi edifici, che sono ben conservati, spicca nel suo splendore (anche se ormai fatiscente) il Tempio di Giove. Questa imponente struttura fu costruita nel 1 ° secolo A.C. ed è composta da enormi blocchi di pietra, incastonati nella sua base, che raggiungono 800 tonnellate di peso. Anche le sue dimensioni sono impressionanti – in larghezza, l’antico santuario occupa un’area di 90 m, con una lunghezza di 50 m, e in altezza è salito a 27 metri. Prima della distruzione, il tempio era circondato da 50 colonne corinzie alte 20 m, la maggior parte di esse crollò. durante il più forte terremoto del 1759, solo 6 di loro sono sopravvissute fino ad oggi. Altri edifici famosi di Baalbek: il tempio di Bacco, con la migliore conservazione, è circondato da 38 colonne con portici, è decorato con intricato intaglio di propilene. Il tempio rotondo di Venere, è stato conservato peggio, nel periodo arabo della storia è stato ricostruito sotto una fortezza.

Terrazza ciclopica

Il cosiddetto trilitone di Baalbek, fa parte del Tempio di Giove – una terrazza situata nella sua parte occidentale, meritevole di una narrazione separata. richiama l’attenzione su tre enormi blocchi di pietra calcarea, disposti in fila, strettamente collegati l’uno all’altro. La loro dimensione è semplicemente incredibile: la lunghezza di ognuno di essi è di oltre 21 m, la larghezza è di 4 m, l’altezza è di circa 5 m, e il peso è di 800 tonnellate – questi sono i materiali da costruzione più grandi e pesanti al mondo. C’è un altro blocco, chiamato “South Stone”, scolpito dallo stesso calcare, ma mai consegnato al cantiere, ancora steso in una cava, a un chilometro da Baalbek. Supera di gran lunga i blocchi di trilitoni, la sua lunghezza è di 27 m, la larghezza è di 5,5 m, l’altezza è di 7 m, e il peso, secondo varie stime, da 1.300 a 2.000 tonnellate!

Chi e come ha scolpito questi blocchi giganti rimane un mistero irrisolto. E che cosa più intrigante: come potresti portarli al cantiere e metterli così, alzati allo stesso tempo, fino a 5 metri di altezza? Come gli scienziati hanno calcolato, solo per spostare un tale blocco da un luogo, sarebbe necessario usare 40.000 persone!!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *